Top Ten: Fobie - Vol. 1

Buongiorno e benvenuti a questa nuova puntata di Scienza & Gnorri.

Come spoilerato la scorsa settimana quest'oggi parleremo delle più comuni fobie, stillando una top ten delle più sentite. Quest'oggi vedremo le prime 5. Buona lettura e rimanete sintonizzati per la seconda parte!

Iniziamo però con una domanda piuttosto banale: cos’è una fobia? Molto semplicemente si tratta di una paura irrazionale per certi oggetti, situazioni, cose, animali, ecc. Nei casi più gravi le fobie possono influenzare la vita quotidiana dei soggetti, impedendogli di vivere una vita normale. Vediamo ora le fobie più sentite e comuni nel mondo moderno!

 

ARACNOFOBIA

La paura dei ragni. Ne soffre la metà delle donne e il 10 % degli uomini (ovviamente in diversa misura). Le persone soggette tendono a stare lontani dai luoghi dove potrebbero incontrare l'oggetto delle loro paure. Il grado può essere variabile, dal semplice disgusto alla vista a forme repulsive molto forti (come la fuga o attacchi di panico).

 

SOCIOFOBIA

Chiamata anche fobia sociale, le persone che ne sono affette si sentono estremamente a disagio quando devono interagire con persone che non conoscono o in qualche prestazione in pubblico. Si ha spesso una paura eccessiva di essere giudicato in maniera negativa in contesti sociali. Molto comune tra adolescenti e giovani (il 4% delle persone tra i 18 e i 55 anni ne soffrono). Provoca difficoltà a parlare in pubblico, mangiare con altre persone, partecipare feste, ecc.

 

AEROFOBIA

La paura di volare, o meglio di viaggiare in aereo. Moltissimi ne soffrono (solo il 5% dei passeggeri in aereo non ha problemi a volare). Non si tratta di timori alla partenza o al decollo, ma durante tutto il viaggio, portando i soggetti a scegliere mezzi di trasporto alternativi pur di non dover affrontare le proprie. Si conta che circa il 50% della popolazione ne soffra, senza grosse differenze tra uomo o donna.

 

AGORAFOBIA

La paura degli spazi aperti o particolarmente affollati (non a caso deriva dalla parola greca αγορά che significa piazza). Questa fobia è generalmente più comune tra le donne che tra gli uomini. L'agorafobico evita i luoghi affollati, pubblici o poco familiari. In casi estremi si può assistere a vere e proprie reclusioni a causa dell'ansia di uscire di casa. Un esempio illustre è Alessandro Manzoni.

 

CLAUSTROFOBIA

La paura degli spazi chiusi. Si può tranquillamente considerare l'esatto contrario dell'agorafobia. Ne soffre circa il 2-5% della popolazione. Chi ne soffre evita accuratamente ascensori, metropolitane, tunnel, stanze troppo piccole e in alcuni casi anche porte girevoli o apparecchi medici come la TAC. I sintomi sono: attacchi di panico, difficoltà di respirazione, iperventilazione, senso di oppressione, sudorazione e nausea.


Ecco terminata la prima metà della nostra Top Ten delle fobie più comuni. Rimanete sintonizzati su Scienza & Gnorri! Alla prossima settimana!

0 views0 comments

Recent Posts

See All